Content: eMuseo

eMuseo

«Manifesti artistici per le Olimpiadi di Monaco del 1972»

Negli anni ’70 alcune istituzioni internazionali decidono di promuovere gli eventi annuali tramite l’allestimento di manifesti artistici o la pubblicazione in aggiunta di edizioni di manifesti. È la rivista culturale «Paris Revue» di New York ad avere l’idea. Nel 1969 nasce così l’«Edition Olympia» che comprende 29 manifesti artistici a cura del Comitato organizzatore delle Olimpiadi di Monaco e della casa editrice F. Bruckmann Verlag. A Hans Hartung, Fritz Winter, Marino Marini, Serge Poliakoff, Charles Lapicque, Jan Lenica e Oskar Kokoschka è affidato il compito di creare un’opera artistica per i primi manifesti.

La cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici del 1972 è caratterizzata dall’allegria e ben presto le Olimpiadi si guadagnano l’appellativo di «Heitere Spiele» (giochi allegri). La favola estiva della Germania si conclude bruscamente con un atroce bagno di sangue; l’esito del dramma degli ostaggi è noto a tutti. Klaus Staeck e Friedel Deventer si autocommissionano l’allestimento di manifesti di protesta che riprendono il tema dell’attacco terroristico mantenendo la stessa CI dell’edizione artistica. 

anonym

Data di affissione
1972

Bildquelle: Jacob Lawrence

anonym

Data di affissione
1970

Bildquelle: Pierre Soulages

anonym

Data di affissione
1971

Bildquelle: David Hockney

anonym

Data di affissione
1972

Bildquelle: Hans Hartung

anonym

Data di affissione
1972

Bildquelle: Valerio Adami

anonym

Data di affissione
1969

Bildquelle: Oskar Kokoschka

anonym

Data di affissione
1972

Bildquelle: Peter Phillips

Klaus Staeck

Data di affissione
1972

anonym

Data di affissione
1970

Bildquelle: Allen Jones

anonym

Data di affissione
1971

Bildquelle: Ronald Brooks Kitaj

anonym

Data di affissione
1969

Bildquelle: Serge Poliakoff

anonym

Data di affissione
1969

Bildquelle: Jan Lenica

anonym

Data di affissione
1972

Bildquelle: Paul Wunderlich

Friedel Deventer

Data di affissione
1972

Shusaku Arakawa

Data di affissione
1970

Bildquelle: Eadweard Muybridge

anonym

Data di affissione
1970

Bildquelle: Piero Dorazio

anonym

Data di affissione
1971

Bildquelle: Josef Albers

anonym

Data di affissione
1971

Bildquelle: Max Bill

anonym

Data di affissione
1970

Bildquelle: Victor Vasarely

anonym

Data di affissione
1970

Bildquelle: Horst Antes

anonym

Data di affissione
1969

Bildquelle: Fritz Winter

anonym

Data di affissione
1971

Bildquelle: Tom Wesselmann

anonym

Data di affissione
1970

Bildquelle: Charles Lapicque

anonym

Data di affissione
1972

Bildquelle: Richard Smith

anonym

Data di affissione
1972

Bildquelle: Alan Davie

anonym

Data di affissione
1971

Bildquelle: Otmar Alt

anonym

Data di affissione
1971

Bildquelle: Friedensreich Hundertwasser

anonym

Data di affissione
1971

Bildquelle: Allan D´Arcangelo

anonym

Data di affissione
1969

Bildquelle: Marino Marini

anonym

Data di affissione
1970

Bildquelle: Eduardo Chillida

Collezione di cartelloni al Museum für Gestaltung di Zurigo

La collezione di manifesti del Museum für Gestaltung di Zurigo è considerata una delle più ricche e importanti al mondo dedicata a questo tipo di arte. Conta all’incirca 350’000 oggetti – di cui 120’000 già inventariati – che documentano la storia svizzera e internazionale del manifesto: dai suoi inizi a metà dell’800 fino ai giorni nostri. La collezione si compone di manifesti politici, culturali e commerciali. La sua varietà da un punto di vista storico, tematico e geografico consente un excursus completo nel mondo dell’arte visiva e offre uno spaccato di storia visiva della nostra vita quotidiana.  Una parte degli oggetti raccolti sono già stati inseriti nel catalogo consultabile online: www.emuseum.ch. Il catalogo online sarà ampliato in maniera costante.

Diritti d’autore

Le immagini di questa esposizione online fanno parte del catalogo digitale della collezione di manifesti del Museum für Gestaltung di Zurigo e sono fornite solo a titolo illustrativo. È vietato qualsiasi uso a favore di terzi – pubblicazione delle immagini o altro uso commerciale – senza previa autorizzazione del proprietario dei diritti d’autore. Per informazioni sull’ordinazione delle stampe: sammlungen@museum-gestaltung.ch